Poesia e poesia

mercoledì 8 febbraio 2017

L'immagine può contenere: cielo, oceano e spazio all'aperto



L'oceano che ci abita



Nessuno t'ha mai detto,
seriamente, 
cos'è realmente il silenzio?
Allora smetti di leggere e
guarda il mare.

Respira i flutti come fosse un dio 
dell'etere a farlo: espira aria e mima la
risacca; prendi fiato e imita la carezza
che l'acqua salata offre alla battigia.
Il silenzio, se nessuno te l'ha mai ninnato
quand'eri bimba, è quel frastuono che
scuote le ossa del mare mosso quando
schiaffa il suo tormento sugli scogli,
schiumante desiderio di straripare vita
ben oltre il confine tracciato dal bagnasciuga.
Anche questo è silenzio: onde fragorose
come sentimenti esplosi folgorando il giorno, 
come una storia di cui si narrano solo le parti più
intense e brevi eppure mai i rimasugli del
quotidiano che costruisce il tutto. Silenzio sul 
mare. Forse noi stessi siamo quelle onde.
Le sue onde. Oppure io quell'onda e tu la spiaggia! 
E allora inspira, espira, inspira ancora. Respira. 
Io che vado, tu che resti. Quando credo di indietreggiare 
per sempre e in un attimo ostinatamente ritorno,
finché c'è sabbia da lambire in eterno
e un posto a cui sempre rincasare.

Dio sa del mare. Il mare sa di te.

Immagine correlata

I versi di questa poesia, così semplice, mi sono piaciute in un giorno in cui, solo Dio  sa, se ne avevo bisogno.
C'è un dolore, una rabbia in certi commenti per cui mi trovo a ripetere che  "per misteriose vie la sofferenza farà più bello e più buono,il mondo". So che è così e con la certezza dell'amore salvifico di Dio mi ripeto che ogni avvenimento non avviene per caso, ma per un Disegno donato affinchè in un abbraccio arrivi la serenità.
Risultati immagini per Immagini piccole per separare frasi  fiori

Rainer Maria Rilke con  le sue parole mi aiuta di più:


Non posso ricordare. Ma quei momenti
puri dureranno in me come
in fondo a un vaso troppo pieno.
Non penso a te, ma sono per amore tuo
e questo mi dà forza.
Non ti invento nei luoghi
che adesso senza te non hanno senso.
Il tuo non esserci
è già caldo di te, ed è piú vero,
piú del tuo mancarmi. La nostalgia
spesso non distingue.
 Risultati immagini per immagini di Karoly Ferenczy

(Claudio Malune)