Lunedì dell'Angelo.

lunedì 28 marzo 2016


Da sempre ho una particolare predilezione e attenzione per gli Angeli.

L'ultima preghiera che recitavo con i miei figli prima del sonno era appunto l'Angelo di Dio.

Gli Angeli sono gli aiutanti di Dio: e pregando così mettevo già allora i miei bimbi nelle braccia di Dio.

Santa Teresa del Bambin Gesù ha scritto una bellissima preghiera all'Angelo Custode.Eccola:



Glorioso custode della mia anima
tu che splendi nel cielo più bello
come una dolce e pura fiamma
vicino al trono dell'Eterno.


Tu discendi per me sulla terra,
e illuminandomi con il tuo splendore
bell'Angelo diventi per me fratello.


Conoscendo la mia grande debolezza,
tu mi prendi per mano
io ti osservo con tenerezza
mentre levi la pietra dal mio cammino.


Sempre la tua voce m'invita
a guardare solo i cieli
più mi vedi piccola e umile,
più diventi radioso.


Oh tu che attraversi lo spazio
più veloce dei lampi,
ti supplico, vola al posto mio
da coloro che mi sono cari,
con la tua ala asciuga le lacrime,
canta l'immensa bontà di Dio,
canta che soffrire è gioia
e pian piano mormora il mio nome.




Ho fatto delle ricerche e che si creda o no gli Angeli,sono un argomento serio. Per dirla col celebre psicanalista Carl Jung, 4.000 anni di fede in queste creature eteree hanno creato una “verità” depositata in un grande serbatoio chiamato “inconscio collettivo” (in pratica una visione del mondo comune a tutti e acquisita quasi inconsapevolmente), e gli angeli sono importanti “archetipi culturali”, cioè punti di riferimento del nostro modo di pensare, sia per chi crede sia per chi non li riconosce.Non c’è neanche tanto da stupirsi se un biologo evoluzionista come Rupert Sheldrake, crede in loro, anche se in un modo moderno: secondo lui sarebbero i codificatori della “forma” non solo dell’uomo, ma di tutte le specie della Terra. In pratica, i custodi dell’“idea” di Dna.

Quest'Angelo piangente si trova nella raffigurazione da una Crocefissione di Giotto


Un dipinto di William Blake, dove gli angeli (su Gesù nel Sepolcro) sono raffigurati come essenze di luce.(cioè araldi della Luce che è Dio)


San Matteo e l'Angelo di Caravaggio.


Finalmente gli Angioletti. Questo dipinto è di Rosso Fiorentino.

Oggi è la festa "dell'Angelo" e la prossima volta farò un po' di storia degli Arcangeli.

Ora, vergognandomi un po', vi regalo alcune fotografie di Angioletti ricamati da me.( Anch'io umilmente ho faticato un po' gli occhi....
(non ridete perchè il confronto è pesante!!!) 






Beh i cuscini sono due........!



Questo è un quadretto


Questo è un acquisto (ho barato!)


e questo s'è rotto (grazie Golia!)



Emily Dickinson

Io so bene che dentro la mia stanza
c'è un amico invisibile,
non si rivela con qualche movimento
né parla per darmi una conferma.

Non c'è bisogno che io gli trovi posto:
è una cortesia più conveniente
l'ospitale intuizione
della sua compagnia.

La sola libertà che si concede
è di essere presente.
Né io né lui violiamo con un suono
l'integrità di questa muta intesa.

Non non potrei mai stancarmi di lui:
sarebbe come se un atomo ad un tratto
si annoiasse di stare sempre insieme
agli innumerevoli elementi dello spazio.

Ignoro se visti anche altri,
se rimanga con loro oppure no.
Ma il mio istinto lo sa riconoscere:
il suo nome è Immortalità.



Chi non trova il paradiso quaggiù
non lo troverà neanche in cielo .
Gli Angeli stanno nella casa
accanto alla nostra
ovunque noi siamo .