"Che cosa cercate?"

mercoledì 20 gennaio 2016




"Fissando lo sguardo su Gesù che passava,Giovanni Battista, disse: "Ecco l'agnello di Dio"

E i due discepoli che Lo guardavano parlare pensarono allora  di seguire Gesù, che ancora non conoscevano. 
Lui si voltò e vedendo che Lo seguivano, disse: "Che cosa cercate?"

Giovanni e Andrea si erano alzati, quel mattino, come avrebbero fatto in un qualsiasi altro giorno, pensando alle solite cose da fare e si sono trovati di fronte un Uomo che non conoscevano, ma che parlava al loro cuore, che li guardava come nessuno mai, che fermò il loro andare dicendo: "Che cosa cercate?"

Quei due che Lo hanno incontrato per la prima volta, mai come in quel giorno hanno sentito e capito, che cosa vale davvero nella vita, Che cosa avrebbe vinto la noia che li opprimeva.
Quella fame e quella sete che sentivano, erano sicuri che avrebbe riempito il loro cuore, perchè tutto di loro attendeva una Presenza che rispondesse al loro desiderio di felicità.

"Che cosa cercate?"

Un affamato chiederebbe da mangiare, un assetato, da bere e io cosa posso rispondere? So di avere fame e di avere sete di un rapporto vero con il reale, con le cose, con le persone.

Signore: dove abiti? "Vieni e vedi...
Ti insegnerò un cammino che ti farà felice.

Era una domenica di giugno, faceva caldo, l'ho seguito. Ancora oggi cammino sulla Sua strada. 
Qualche buca. 
Qualche inciampo. 
E mi rialzo. 
Perchè è Lui che mi prende la mano e mi aiuta a rialzarmi.

Sempre.