inizia l'Attesa.

giovedì 24 novembre 2016

Risultati immagini per immagini belle



L'attesa è la speranza dell'avverarsi di un sogno. Domenica prossima sarà la prima d'Avvento: "L’Avvento non aggiunge altri impegni alla nostra vita spesso in affanno, ma sollecita a sostare per meglio preparare la strada a Colui che viene.

Inizio del "Racconto"
Giuseppe di Betlemme era un ebreo di buona famiglia. Tra i suoi antenati c'era Davide, Salomone ed altri illustri.
In ebraico Giuseppe è Iosef, dal verbo iasàf, aggiungere.
E' un nome inventato da Rachele, sposa di Giacobbe/Iaakòv.
A Rachele non le riusciva di rimanere incinta e quando infine le riuscì chiamò quel primogrnito Iosef, "colui che aggiunge".
I nomi ebraici contengono destini. Quel figlio aggiunto fu isolato e patì schiavitù in Egitto, venduto dai fratelli.

A Iosef/Giuseppe, sposo di Miriàm/Maria, il nome comportò un altro esilio.

Era un meridionale di Betlemme in Giudea. Era emigrato a nord, in Galilea al confine con il Libano.
Era un carpentiere, manodopera specializzata e richiesta.
Si era fatto una posizione, si stava accasando a Nazaret con una splendida ragazza locale, Miriam.

Ecco che il cielo gli precipita sulla testa, la fidanzata è incinta prima del matrimonio e non di lui. 
Prova durissima per un uomo, nessuno può giudicarla se non ci si è trovato.
.........


6 commenti:

  1. L'Avvento, un'occasione inascoltata per cambiare.
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Gus, facciamo almeno un tentativo noi!Buonaserata e Bacio

      Elimina
  2. Cara Lucia, sono passato per augurarti una buona giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tom. Ti auguro la buona serata con un sorriso!

      Elimina
  3. ti ringrazio per esserti iscritta allo swap Noel :-)

    Buon Avvento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto pensando al dafarsi...buona serata Fiore!

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o