Condividere

mercoledì 19 agosto 2015





So che il sole non può splendere sempre nel mio cuore, e che arrivano i momenti in cui il pensiero, la "meditazione", si fanno più seri. 

In questi giorni in cui le notizie sulla salute della mia mamma hanno dei percorsi eccezionali ( perchè basta un'attimo e tutto può precipitare) comprendo che quando sono in possesso di qualche cosa che ritengo importante, sono tentata di condividerlo, come col Pane che spezziamo in comune.

La mia mamma è caduta, in casa, e si è fratturata il femore. Compirà i 96 anni il giorno di Natale.
Trasportata di corsa al San Raffaele di Milano, eseguita la TAC il medico (ortopedico) ha voluto conoscere il mio pensiero su di una eventuale operazione. 

Io ho decisamente negato questa opportunità. A 95 anni l'operazione al femore è sconsigliata per l'eventuale insorgere di emboli e anche l'anestesia può avere un esito non felice.

Dopo il mio colloqio, la mia mamma e stata ritenuta dimettibile.
Arrivata a casa era già più serena e si è addomentata.

Oggi nuova corsa in ospedale: Ossigeno: forse c'è proprio un embolo ai polmoni.
Mio fratello è ritornato dalla Grecia e Elena, mia sorella, è in viaggio verso Milano.
Domani mattina,  farò nuovamente Novara-Milano.

In questi momenti in cui mi sono incontrata con persone sconosciute, basta fare il primo passo perchè la conversazione si sposti su Dio.

Fede, certezza, evidenza.

Noi, io, che amo il Vero so che tutto trova il Suo completamento anche all'ultimo momento dell'ultima ora.

Buona notte Mamma a domani.



Mammina mia,
Come è stato triste
sederti accanto
in quell'ospedale 
che tanto temevi!
Mammina, sono qui.
vorrei regalarti 
un pezzo di cielo
pieno di stelle, 
luminose come non 
le hai mai viste.
E vorrei che 
le tue braccia 
mi avvolgessero completamente
affinchè  il battito 
del tuo cuore 
s'accompagni al mio.
Ora la bocca tace.
Ora è il momento
dei pensieri.
I miei piedi s'allontanano
 ma non il mio cuore.
Conterò gli istanti 
che mi terranno lontana
e porterò con me 
il calore tiepido
della tua mano stanca.
A domani. Buona notte mammina.(Lucia)