Primo giorno di primavera e eclissi di sole

venerdì 20 marzo 2015


















Eclissi solare, le immagini dallo spazio






                                     Eclissi a Milano, i tweet dello show rovinato dalle nu
Norvegia: il timelapse dell'eclissi totale

Blog Due ore senza fotovoltaico

Eclissi solare, l'osservazione nel mondo

Eclissi di sole, le foto dei lettori / 9
                                       Eclissi: paure, suggestioni e leggende legate al Sole

                                                 Isole Faroer e Svalbard, dove l'eclissi è totale



BLOG L'eclissi minuto per minuto

UNA LEGGENDARIA congiunzione astrale: l'eclisse, il "Sole nero", la "Super Luna" al perigeo e l'equinozio di primavera. L'eclisse di oggi è stato visto da tutta l'Europa e parte dell'Africa settentrionale e dell'Asia. Il "Sole nero", però, solamente si è potuto ammirare soltanto dalle isole FærØer. L'ombra della Luna è passata per il mare di Norvegia fino al mare di Barents, dall'arcipelago danese alle Svalbard. Su quelle isole per qualche minuto è calata la notte in pieno giorno. Per gli altri solo un'eclisse parziale. Anche in Italia è stato osservato questo fenomeno astronomico: quando ha raggiunto il suo picco - tra le 10.30 e le 10.40 - nonostante fosse parziale, l'intera penisola è andata penombra per l'eclissi. La copertura ha raggiunto il 70% nelle regioni settentrionali, dove in alcune località le nuvole hanno rovinato lo spettacolo, il 60% al centro e il 40% nel Sud.


Eclissi, tutte le fasi del "sole nero"

Navigazione per la galleria fotografica
1 di 49Immagine PrecedenteImmagine SuccessivaSlideshow
Condividi



Primo giorno di primavera e "Sole nero", Italia col naso all'insù per l'eclissiRinnovamento e fertilità, avvento della vita e resurrezione della natura: sono le caratteristiche dell'arrivo della primavera secondo le culture pagane e altre antiche tradizioni. Arrivano giornate più lunghe e calde, e così arrivano forza e calore. Una stagione il cui inizio coincide con l'equinozio (da latino æquinoctium, ovvero "notte uguale" perché la sua durata sarà uguale a quella del giorno), il fenomeno astronomico che contrariamente a quello che abbiamo imparato alle scuole elementari può cadere in tre giorni diversi (19, 20 e 21 marzo) e non soltanto il 21.