Dove tutto ha avuto inizio!

mercoledì 10 dicembre 2014

E' trascorsa la Festa dell'Immacolata. Le giornate trascorrono veloci ed ecco che nel buio delle sere invernali, tante luci (forse troppe) ci ricordano che è il Natale è vicino e che cosa significa che riaccade nel tempo e nello spazio della vita?
Dio si fa bambino. l'infinitamente grande diventa l'ultimo, il più piccolo. E' un fatto che dovrebbe commuoverci sempre, tutti: Dio ci ha parlato e ci parla anche oggi per farci capire chi è e si è svelato nell'assoluta innocenza di un bambino. Ci ha comunicato il Suo volto umano.

Ho pensato di inserire due immagini, contradditorie, dei luoghi dove tutto ha avuto inizio e  aggiungerei questa frase: "Senza che Cristo sia presenza ORA - ora!, io non posso amarmi ora, e non posso amare te, ora".











Questo è il muro, il terribile muro tra il territorio israeliano e quello palestinese.



  Qui vivono uomini e donne che fanno i conti con la propria fede. E con una "vocazione dentro una vocazione" quella di vivere qui, dove la presenza di Cristo sembra qualcosa di fragile e nascosto. Ma è una sfida per tutti.




Grotta della Natività

Qui potrei meditare, scoprire tutte le sicurezze che la fede mi dà. Bisbigliare i sospiri dell'anima e ringraziare  Colui che mi ha donato se stesso.

Penso che questi luoghi siano veramente straordinari, non solo la grotta, soprattutto per quello che permette di rivivere. Mi sentirei molto amata e sono sicura che guarderei le persone per quello che sono, nel mistero che solo Dio sa.



Ecco la meta dei miei sogni.
Questa sera potrò sperare di essere nella terra di Gesù e far parte con Lui della  storia reale come  solo può esserlo la VITA!