Armonia

giovedì 6 marzo 2014






C'è un'armonia di fondo in tutti noi dove possiamo rintracciare bontà e bellezza  sperimentando la solitudine, la pace e la tranquillità
Se rifletto ad esempio sull'inverno di cui, quest'anno, non abbiamo sperimentato il vero freddo e che ora con le prime giornate di sole sta per cedere il passo ad una nuova primavera, l'inverno dicevo, non è la morte, ma il preludio alla bellezza, e di una bellezza essa stessa inserita in un'altra Bellezza.
Chiudo gli occhi e sogno l'armonia in queste parole a me care: un bosco, un corso d'acqua, una campagna ben coltivata e un cielo azzurro con nuvole di panna.
L'armonia la ritrovo  nello sguardo degli sposi molto uniti, perchè ciascuno rispetta il mondo segreto dell'altro, la sua armonia intima.
L'armonia dei giardini curati con amore dove i fiori dai mille colori e profumi mi ispirano tenerezza e anche divieto. "E' proibito calpestare l'erba" "Non cogliete i fiori"
Nasce allora l'idea di un giardino segreto più bello di tutti i giardini che potremmo immaginare: "il paradiso".
Dobbiamo cercare il nostro giardino segreto in cui passeggia l'armonia che col passare degli anni, degli attimi di vita vera, diventa il nostro canto armonioso.
Ci troveremo fiori fragili come la dolcezza, la pace, la bontà. I nostri tesori nascosti.
Come con il giardino c'è bisogno di coltivarli, questi tesori, amorosamente giorno dopo giorno, pulirli e dissodarli e soprattutto tagliare, potare.
Bisogna quindi fare quello che una volta veniva chiamato "esame di coscienza" Quali sono i miei atti della giornata che contraddicono la lealtà, la carità, l'amore? Fatto questo, potremo piantare, nel giardino ripulito, i nuovi semi destinati a nascere a crescere, per abbellire, ombreggiare e infine armonizzare tutto di noi. La lettura e la musica ci aiuteranno in questo.
La mia speranza di questa serata appena iniziata, è una domanda: riuscirò a realizzare la vera Armonia in cui ritrovo il volto di Dio?
Buona serata a tutti.