Un po' di milanese

martedì 10 dicembre 2013

Milano 1964

Novara 1966

Oggi, dopo essermi lavata i capelli, e osservando, che i .....bianchi sono aumentati, anche se ben nascosti dalle meches, mi sono ricordata una frase del mio papà-
Un passo indietro. Io sono nata bionda, sono quasi sempre stata bionda e....dentro....mi sento bionda!
C'è stato un periodo, quello precedente la nascita di Ada e anche durante l'allattamento, che, si diceva, non ci si poteva schiarire i capelli. Embhè per i figli.... eccomi al naturale cioè castano scuro!
Un giorno il mio papà mi viene a trovare. Mi guarda e serio serio mi dice:
"Ciccèta, ma se te s'eri inscì bela biunda, cusa l'è che t'è vegnù in ment?" Era dolcissimo....S'eri bela!

Ma è durato poco...appena ho smesso di allattare Ada sono ritornata bionda!
Ma è durato poco....è quasi subito arrivata Valeria e quindi.... e poi....
Ma è durato poco...Ada compiva i tre anni e io aspettavo Enrico....
A Paolo piaccio bionda!


Secondo aneddoto milanese:

Ho un'amica, ma proprio amica amica, insomma quella con cui ho condiviso la mia infanzia e gioventù a Milano. Ora la vedo poco, lei è rimasta a Milano, ma ci telefoniamo!
Vera, aveva i nonni e i genitori, milanesi, e era una felicità sentirli parlare in dialetto.
Un giorno la nonna Bice, chiama a colloquio le due nipoti, Vera e Alda, e fa loro questo discorso che io scrivo in italiano perché sarebbe troppo lungo in dialetto (e poi non me lo ricordo più tanto bene!)
"Sentite, è morta anche l'ultima sorella del nonno Adolfo, e dobbiamo dirglielo con tatto, se no, povero uomo, ci sviene."
Le due nipoti nicchiano "E' una faccenda troppo delicata...,nonna devi dirglielo tu. Eh certo, stai attenta a come glielo dici...."
"Tranquille...tutto il tatto possibile!".
Alla sera, a tavola, il signor "Niula" così soprannominato, era taciturno, veramente tutti erano taciturni. Aspettavano che la Bice parlasse!
"Dulfu!"
"Se ghè"
"Duman t'è v'è a Turin?"
"A fa cus'è?"
"O bela, al funeral de la to surela!!!!"
Tatto!!!!


Ciao!!!