Risveglio

sabato 23 novembre 2013

 
 
 




L'ombra della notte impregnava ancora case e cortili. La luce del giorno cercava di penetrarvi pian pianino. Da un po' di tempo: mi alzo presto e subito guardo fuori..
Questa mattina ho dovuto sbrigarmi. Un segno di croce, mettendo giù i piedi dal letto e poi in cucina dove Paolo stava già bevendo il caffè per poi andare in Ospedale da Rosalba.
Appena la porta si è richiusa alle sue spalle, sono ritornata nel mio lettone, tra le coperte ancora tiepide del tepore notturno. E ho recitato il rosario.
E' stata una scelta? No, un bisogno a guardare a qualcosa che fa parte della mia vita. Guardare il senso della mia vita.
Ho pensato alla nebbia. Alle ombre che si intravvedono nella nebbia. Senza l'incontro con Cristo il mio cuore sarebbe immerso nella nebbia. E non conoscerei i colori che l' arricchiscono.
La vera decisione di questa mattina, di questo nuovo giorno, di tutti i giorni è riconoscere ciò che è il bene per la mia vita. "Decidi tu se mi ami oppure no!"