Alla Madre di Dio di Alda Merini

sabato 21 settembre 2013



 
«Quando il cielo baciò la terra nacque Maria.
Che vuol dire la semplice,
la buona, la colma di grazia.
Maria è il respiro dell'anima,
è l'ultimo soffio dell'uomo. 
 Maria discende in noi, 
 è come l'acqua che si diffonde
in tutte le membra e le anima,
e da carne inerte che siamo noi
diventiamo viva potenza».
 
«Sei la povertà e la ricchezza
il sogno e la contraddizione,
la volontà di Dio e la volontà dell'uomo,
che tu educhi alla contemplazione.
Il dolore è la tua casa, è la casa del mondo,
eppure tu sei la regina degli angeli, 
 la regina nostra, la regina di tutti i tempi».