Il momento della Festa.

lunedì 12 agosto 2013

 
Nei giorni scorsi, sfogliando una delle mie agende, ho trovato questa fotografia di Valeria nel giorno della sua Prima Comunione.
Il mio cuore è lieto perché ti ho vicino.
 
 
Domenica: il giorno della Festa.
La Festa che nasce dall'Amore perchè
chi è capace di amare, generalmente ha il cuore in festa.
 Fare festa per me vuol dire pensare 
all'incontro con Dio, con Gesù Eucarestia.
 So che mi preparerò in fretta per non fare tardi, sapendo che il Signore mi aspetta.
Lui veramente mi aspetta tutti i giorni. Io però non esco volentieri, ora per il caldo...poi...ci sarà una ragione nuova, ma la domenica, la domenica è la felicità.
A pranzo ci siamo tutti, grandi e piccoli, e questa è una parte della gioia, poi appunto la Messa con l'Eucarestia:
il fondamento e il culmine di tutta la vita.

 
O Gesù, ricordo di dolcezza
Sorgente di forza vera al cuore
Ma sopra ogni dolcezza
Dolcezza è la Sua Presenza.


Nulla si canta di più soave
Nulla si ode di più giocondo
Nulla di più dolce si pensa
Che Gesù, Figlio di Dio.


Gesù, speranza di chi ritorna al bene
Quanto sei pietoso verso chi Ti desidera
Quanto sei buono verso chi ti cerca
Ma che sarai per chi ti trova?

Gesù, dolcezza del cuore
Fonte viva, luce della mente
Al di là di qualsiasi gioia
E qualsiasi desiderio.


La bocca non sa dire
La parola non sa esprimere
Solo chi lo prova può credere
Ciò che sia amare Gesù.


Gesù Re ammirabile
E nobile trionfatore,
Dolcezza ineffabile,
Totalmente desiderabile!


Rimani con noi Signore
E illuminaci con la Tua luce,
Dissipa l’oscurità della mente;
Reso puro, riempimi di dolcezza!

Quando visiti il nostro cuore,
Allora brilla su di esso la verità,
Perde valore la vanità del mondo
E dentro arde la Carità.


Riconoscete tutti Gesù,
Chiedete il Suo amore,
Cercate ardentemente Gesù,
Infiammatevi nel cercarLo!


Gesù fiore di Madre Vergine,
Amore della nostra dolcezza:
A Te la lode e l’onore della potenza
E il Regno della beatitudine.


Gesù, suprema bontà,
Gioia straordinaria del cuore,
E insieme tenera benevolenza:
La Tua Carità mi strugge.


Vedo già ciò che ho cercato
Possiedo ciò che ho desiderato;
Languo d’amore, Gesù,
E ardo tutto in cuore.


O Gesù mio dolcissimo
Speranza dell’anima che sospira
Ti cercano le lacrime pietose
E il grido del profondo dell’animo.


Sii, o Gesù, la nostra gioia,
Tu che sarai l’eterno premio;
In te sia la nostra gloria
Per ogni tempo.

Amen.