momenti di vera tenerezza

mercoledì 12 giugno 2013



Alcuni giorni fa era il compleanno di Paolo: 76 anni. L'ho guardato, appena svegli, e sorridendo gli ho detto:"ci stiamo facendo vecchietti!" Lui ha riso e mi abbracciato e baciato e ho aggiunto:" mi raccomando, abbi cura di te, perché io da sola non ci voglio restare....lo so che siamo nelle mani di Dio, ma è bene che Lui  tenga ben presente i nostri desideri". E abbiamo cominciato la giornata...c'era da fare la spesa, Paolo, e preparare il pranzo,io, compresa la torta, perché arrivavano i nostri figli con  i loro figli.
Ma non era di questo che volevo parlarvi. Volevo parlarvi della sua tenerezza.
Paolo è Paolo! Distratto, molto legato alla sua famiglia, poco espansivo e molto disordinato. Gran lettore e appassionato di politica e della Juve! Fervente cattolico praticante.


l'amore non è fare cose straordinarie o eroiche, ma fare cose ordinarie con tanta tenerezza...


Questa mattina, rifacendo il letto, ho chiuso il cassetto del comodino di Paolo, che lui lascia sempre aperto e...ho visto un foglietto...nuovo...scritto da lui:

"data, ho sognato Valeria, era seduta sulle mie ginocchia, e mi ha detto: ti ho sentito quando telefonavi alla mamma..."

Paolo dimentica i sogni, non se li ricorda mai. Questo era talmente importante per lui che se l'è scritto su di un foglietto e non me ne ha parlato. Si sarebbe commosso. Ho stretto quel foglietto sul cuore e un'indicibile tenerezza mi ha invaso.