Non ero sola

mercoledì 6 marzo 2013



Oggi pomeriggio sono stata dalla dottoressa, per avere delle risposte. Ho cercato di tornare a casa a piedi, sola, l'aria non era molto fredda e mi sentivo bene. Passando davanti ad un "parchetto" dove i bimbi giocano dopo la scuola e vedendolo deserto ho pensato di sedermi su di una panchina che dolcemente m'invitava. Tutto era perfetto io sola con i miei pensieri  ho ascoltato la voce del silenzio e mi pareva di ascoltare la Sua voce. Non c'era alcuna traccia di stupore nel mio cuore, solo una grande pace che mi inebriava. Una pace che veniva dal di dentro.Tutto mi sembrava estremamente chiaro, ogni cosa al suo posto. Un'altalena cigolava mentre un bimbo immaginario si dondolava. Gli alberi dai  rami ancora nudi che presto saranno  ricoperti da tenere foglioline e poi da stupendi fiori rosa che ogni anno mi fanno innamorare. Dal cuore allora è nata una preghiera: Signore fa' che io non chini il capo davanti al dolore e che non mi lasci abbattere dalle delusioni Tante cose stanno succedendo in questa nostra Patria e purtroppo abbastanza dolorose.  Aiutaci a rimanere uniti nell'amore che Tu ci hai insegnato. Con il Tuo aiuto la verità e la speranza vinceranno, perchè la felicità esiste, la vita continua e io sogno una lunga fila di persone che camminano verso di Te.