Una favola Colombiana

8 comments
       

Fonte dell’immagine: elbiblioburro.blogpost.it

Il “biblioburro” colombiano

Oggi vi racconto la storia di un maestro di scuola che in una zona sperduta dell’America Latina ha realizzato una grande idea: quella di portare la cultura a chi non ne ha accesso.
Il maestro si chiama Luis Humberto Soriano Bohorquez, la zona sperduta è quella del dipartimento di Magdalena in Colombia e l’idea si chiama “biblioburro”
Dallo spagnolo, biblioburro significa “asino-biblioteca”. Avete capito bene: l’asino, l’animale simbolo degli studenti fannulloni, e la biblioteca, il luogo in cui “regna” la cultura, sono associati in questo bizzarro nome. Ma lo scopo qui non è quello di giocare con l’etimologia, anzi, l’asino diventa un mezzo utile per portare i libri e l’insegnamento a chi non li ha o non ne ha a sufficienza. Il biblioburro altro non è che una biblioteca ambulante.
Un fine nobile, che ha spinto Luis Soriano a raggiungere, tutti i giorni per dieci anni, alcuni villaggi sperduti nel distretto colombiano di Magdalena a dorso dei suoi due asini Alfa e Beto, carichi di libri di ogni genere, dai libri di favole, ai trattati di medicina, dizionari ed enciclopedie. Con questi libri Luis ha insegnato per dieci anni ai bambini della zona, ha letto loro le favole, ha fatto comprendere loro l’importanza dei diritti di cui dovrebbero godere, a differenza dei loro genitori che hanno vissuto spesso nell’ombra dell’ignoranza.
Talmente è bella questa iniziativa, che sembra di essere in una favola. Poi, proprio come in tutte le favole, è arrivato il mostro: l’ infortunio di Luis, che durante uno dei suoi viaggi, cade dall’asino e viene gravemente ferito a una gamba. Le ferite riportate sono state così gravi che i medici hanno dovuto amputare la gamba. Ma come in ogni favola, è arrivato anche il lieto fine. Luis ora sta bene e ha già trovato un degno allievo, pronto a sostituirlo nella gloriosa missione di portare i libri là dove non ci sono.
Luis Humberto Soriano Bohorquez: un piccolo grande uomo che, lontano dai riflettori e dalle nostre vite già troppo affollate di eroi e super eroi, per dieci anni ha contribuito a rendere il mondo un posto migliore in cui vivere! :)

E voi che cosa vorreste realizzare per migliorare il mondo in cui viviamo?

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

8 commenti:

  1. Bellissima! Grazie Lucia, sono queste le storie da raccontare, quelle a cui dare spazio, si leggono e si ascoltano tutti i giorni fatti di cronaca tremendi che fanno credere che al mondo esiste solo gente cattiva, menefreghista, superficiale ed invece ci sono tanti esempi di altruismo, di bontà, di dedizione agli altri, questo però non fa notizia.
    Sono le persone come questo Luis che, come dici tu rendono il mondo migliore, per questo sono un grande esempio per noi.
    Ciao. BUona giornata!
    Un bacio.
    Rosella

    RispondiElimina
  2. Queste sono davvero storie che fanno bene a tutti, ci insegnano che esiste ancora chi mette gli altri, chi ha bisogno davanti a tutto. Quando sento storie come questa capisco che l'uomo c'è ancora speranza.
    Ciao, buona giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
  3. Grazie Lucia per la testimonianza che hai voluto condividere con noi!
    Ecco i veri "Santi" umili, che con poco fanno tanto, persone così sono da ammirare e cercare nel nostro piccolo imitare. Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  4. "E voi che cosa vorreste realizzare per migliorare il mondo in cui viviamo?"
    Bella domanda cara. Penso che non ci sarebbe bisogno di realizzare qualcosa di grande come il nostro amico colombiano, bisognerebbe solo imparare ad avere un pò di umiltà e un pò di rispetto verso gli altri, ma umiltà e rispetto VERI.
    Baciobacio cara sempre

    RispondiElimina
  5. Ciao Lucia.
    Scrivi sempre cose belle.

    RispondiElimina
  6. Queste sono notizie! La semplicità, una idea, e il desiderio di donarsi, ha cambiato sicuramente la vita di tanti ragazzini, e continuerà a farlo. Mano male che esistono queste persone. Bacioni cara, e grazie per questa perla dell'informazione.

    RispondiElimina
  7. Lucia per migliorare il mondo in cui viviamo, vorrei realizzare una catena di mani che si stringono,tante mani che si stringono, prive di rancori,pregiudizi, orgoglio e bugie, e da lì, ripartire sostenendoci vicendevolmente.
    Un abbraccio grande!♥

    RispondiElimina
  8. Rosella
    Antonella
    Fiorella
    Farfalla leggera
    Gus
    Saray
    Dany

    Un grosso grazie a tutti per i bellissimi commenti! E per essere venuti qui a trovarmi!Buona giornata!

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...