Pensieri sul bene e sul bello

giovedì 15 novembre 2012

 

 
Oggi mentre parlavo al telefono con Daniela sul televisorre passavano immagini di uccelli dai colori vivaci. Testine rosse su corpicini di un bel giallo vivace. Bellezza è anche bontà? Toccare con mano la Bellezza è vivere nel mondo infinito di Dio. Lui è Bellezza. Lui è Bontà.
C'è il bene nel mondo ma siamo così distratti che non ce ne accorgiamo se non diventa un momento del nostro quotidiano. Allora ho pensato che:
il bene è il bacio del mattino che Elena mi fa ricordandomi di pregare per lei, la bellezza è il suo sorriso al mio "Sì, appena i miei occhi si abitueranno alla luce di questo giorno che inizia",
il bene è il portalettere che suona aspettando che io gli apra e che mi ringrazia per averlo fatto.
Il bene è la mia dottoressa che senza farmi aspettare e che, con un dolce sorriso, questa mattina mi ha fatto l'iniezione antinfluenzale, trattenendosi un po' per conoscere il mio stato di salute anche se nello studio c'erano tante persone che aspettavano il proprio turno.
La bellezza è la bambina della signora che riordina le scale che se ne sta seduta aspettando la sua mamma e che mi ringrazia se l'invito ad entrare in casa perchè ora fa freddino.
Il bene sono gli amici che non ti piantano in asso; il bene è la comprensione e il senso del dovere che sembrano morti e che invece esistono ancora.
Il bene è una lettera inaspettata, è la telefonata di zio Lino che finge di essere la Questura per farmi uno scherzo. La bellezza è la nostra risata complice.
Il bene è un bel libro, è un fiore donato, il bene è la neve che aspetto e che arriverà a coprire i nuovi germogli della prossima primavera.
Il bene è l'aiuto di Dio anche nelle piccole cose.
La Bellezza è il rosone della mia Chiesa quando un raggio di sole lo illumina e  mi fa pensare a Maria che è  lì a proteggere il mondo intero.
La bellezza è nel Creato se riusciamo a guardarlo con occhi puri.
Il bene e la bellezza siamo tutti noi quando ringraziamo Dio per la giornata che volge al termine.