Crisi e...crisi

lunedì 12 marzo 2012


Sono tempi difficili! Prendi l'autobus, vai al supermercato, nella sala-d'attesa del medico, insomma dove c'è gente che chiacchiera si sente parlare di crisi. D'altra parte la crisi c'è davvero! Io ho eliminato alcune spese che mi parevano superflue. I miei figli, chi per la salute, chi per il lavoro non sono poi tanto fuori dalla "crisi".  Oggi però guardo che c'è anche la crisi d'amore di un ragazzo e apro il mio cuore di fronte alla crisi di fatica di una madre; vorrei prendermi sulle spalle la ferita della crisi del dolore altrui.
Allora, ho una voglia irrefrenabile di accarezzare quelle persone e vorrei che potessero sorridere un po' di più, che il Signore doni loro un mattino con tanto sole e che un bimbo incontrandoli regalasse loro un mazzetto di margheritine come hanno fatto con Paolo un pomeriggio di Aprile di tanti anni fa.