domenica 22 gennaio 2012


un ricordo mio che dedico ai miei fiorellini!
"Come il Padre ha amato me
così io ho amato voi.
Restate nel mio amore.
Ecco il mio comandamento:
Amatevi gli uni gli altri
come io vi ho amati." Gv 15,9


A tavola. Ieri sera. Parlavamo di persone amiche. Di amici della nostra Comunità Parrocchiale. Parlavamo di persone amiche che non perdonano. Che guardano agli amici giocando con la loro storia. Con i loro errori. E giudicano. Lasciando le persone sole, davanti al dramma del vivere.
La Comunità è il luogo del perdono.
Nonostante tutta la fiducia che possiamo avere gli uni negli altri, ci sono sempre parole che feriscono, atteggiamenti con cui giudichiamo il prossimo.
Tutti abbiamo bisogno di carezze! Di sguardi che ci dicono che il nostro peccato è stato perdonato.
Dobbiamo imparare ad amare veramente ciascuno, proprio per la sua storia.
Amarlo per le sue croci, perchè è nelle croci di ciascuno di noi che incontriamo il vero volto di Cristo.
Ora, nel Sacramento di Cristo (la Riconciliazione) Dio si fa avanti verso l'uomo e diventa incontro pieno di verità.
Tu, o Signore, nel volto dei miei amici, sei l'oggetto del mio vivere.
Aiutami a capirli e, a mia volta, a non giudicarli!

il vecchio e il bambino di Guccini



Ho pensato, oggi, a Novara e a com'era quando nel 1966
sono venuta ad abitarvi e ho fatto mia questa canzone.