29a Domenica del Tempo Ordinario: Prego di G. Sacino

sabato 15 ottobre 2011



Ti preghiamo, Maestro divino, per i cristiani
attivamente impegnati in politica,
per coloro che, con le leggi
e le decisioni programmatiche,
decidono della vita di un paesino, di una città,
di una provincia, di una regione, di un popolo
o di molti popoli.

Tu, o Gesù,
che ci insegni a non mettere Cesare al posto di Dio,
non permettere che esaltiamo gli uomini politici
tanto da credere che essere loro amico
significa avere tutto e subito!
Non permettere di idolatrare gli uomini politici
nè che essi,
peccando di orgoglio e d'ingiustizia,
dimentichino che il loro è un servizio
e non un potere,
un servizio a tempo determinato,
di cui devono rendere conto a Te,
prima ancora che agli uomini.

Dona ai politici,
credenti e non credenti,
atei o materialisti,
a tutti - nessuno escluso -
la capacità di alzare lo sguardo
al di là del perimetro ristretto del loro partito
per guardare in faccia l'uomo,
ogni uomo,
e servirlo con giustizia e trasparenza.
Se faranno questo, serviranno la storia
e serviranno Te,
perchè ogni uomo è Tua immagine
e la politica diverrà una lenta fatica
per rendere il mondo migliore.
Come piace a Te.
Amen.

Abbè Pierre ha detto:





Svegliatevi, la crisi economica non è un brutto quarto d'ora che passerà presto; durerà!
I tempi della crescita e dello spreco sono finiti.
Credere che stiamo vivendo una parentesi è un'illusione mortale.
La crisi impone altre scelte alla vita