A fine giornata

sabato 5 febbraio 2011



Che differenza finire il giorno pieni di gratitudine per quello che si è o arrabbiati per quello che non si è riusciti a fare!
Per terminare la giornata col cuore grato, bisogna imparare ad offrire la giornata al Signore appena mi alzo, mi accingo a riordinare iniziando così il mio ruolo di "casalinga"
Per questo è importante accettare la realtà così com'è, senza inventarla, non immaginare le cose, senza "costringerle" dentro la nostra misura.
E perchè questo atteggiamento sia naturale e non forzato, bisogna attraversare il "reale". Essere fedeli al Mistero, perchè è il Signore che determina la mia vita.